Sergio Marchionne, l’uomo con il “maglioncino blu”.

 

Oggi Marchionne si trova in gravi condizioni di salute, il suo ruolo da Manager FCA è stato affidato a Manley.

Ogni testata giornalista parla di questa notizia, evidenziando maggiormente il lato della gestione aziendale che quello umano (peccato!).

Marchionne, abruzzese d’origine, classe 1952, Laureato in Filosofia, impara la cultura del lavoro in Canada. Italiano naturalizzato canadese. In questi giorni dopo un’operazione alla spalla si sono verificate complicazioni inaspettate aggravando così la propria situazione di salute ad oggi considerata irreversibile.

 

 

Marchionne venne definito dal “Time” come lo Steve Jobs dell’auto. Ecco qui la copertina dello storico settimanale USA >>

I numeri generati grazie al suo management in FCA (Fiat Chrysler Automobiles*) sono stati impressionanti.

Il Manager è riuscito a moltiplicare per 10 volte la capitalizzazione aziendale. Questo significa aver fatto aumentare sia il numero delle azioni che il loro relativo prezzo. Infatti, nel 2004 la capitalizzazione era di 5,5 miliardi di euro, oggi siamo arrivati a circa 60 miliardi di euro. Portando FCA (grazie anche all’incorporamento di Chrysler in Fiat) al 7° posto come produttore mondiale di auto.

*Il Gruppo FCA è composto dai marchi FIATAlfa RomeoLanciaMaseratiFiat ProfessionalAbarthJeepChryslerDodgeRam TrucksMoparSRT.

Ovviamente, non è tutto oro quel che luccica.

Infatti, va ricordato che FCA (una volta FIAT) non è più su suolo italiano, ma bensì trasferita nei Paesi Bassi comportando un ridimensionamento a livello occupazionale italiano.

 

 

Il “futuro” da tassista

Dopo la prima laurea in filosofia mio padre aveva già scelto il colore del taxi che voleva farmi guidare perché diceva che non sarebbe servita a nulla “, ha raccontato Marchionne ricevendo una laurea honoris causa nel novembre 2007.

(Fonte: Sky TG 24)

 

Molti dei suoi pensieri e discorsi sono stati raccolti all’interno del libro Chi comanda è solo – Sergio Marchionne in parole sue di F. Bogliari.

Qui trovi il libro >>

Categorie: TG News Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *